Agevolazioni con ISEE: quali bonus si possono ricevere? #adessonews

La dichiarazione del valore ISEE relativo allo stato reddituale e patrimoniale del nucleo familiare può consentire alle famiglie di accedere a diversi servizi, come ad esempio al calcolo corretto delle imposte nel caso di pagamento di rate universitarie.

Inoltre l’attestazione ISEE corretta riferita ai componenti del nucleo familiare può garantire l’accesso a diverse agevolazioni e bonus messi a disposizione dallo stato e in particolare dall’INPS.

In mancanza di una corretta valutazione ISEE, molti bonus possono essere persi, se precedentemente percepiti nel 2021. Inoltre dal 2022 vengono introdotti nuovi sostegni e agevolazioni specifiche per le famiglie italiane: dal reddito di cittadinanza al bonus prima casa per i giovani, fino al bonus asilo nido o all’Assegno Unico a favore dei figli.

Ma quali sono le agevolazioni e i bonus che si possono ottenere calcolando correttamente l’ISEE? Vediamo in questo articolo tutte le agevolazioni e i bonus previsti per l’anno in corso, in particolare quelli destinati alle famiglie il cui reddito risulta essere basso.

Agevolazioni e ISEE: il calcolo

Per chi non lo conoscesse, ISEE è l’acronimo di “Indicatore della Situazione Economica Eequivalente”. Per poter accedere a diverse agevolazioni disponibili, la famiglia interessata deve provvedere a presentare tutta una serie di documenti che riportano allo stato reddituale e patrimoniale di tutti i componenti.

Per alcune agevolazioni del 2022, la scadenza dei termini per presentare l’ISEE è già passata, stabilita a gennaio 2022. Per esempio per ricevere il reddito di cittadinanza, gli interessati hanno dovuto affrettarsi nel rinnovare questo dato entro il 31 gennaio 2022. Questo indicatore è richiesto da diversi enti e amministrazioni che forniscono ai cittadini sostegni di diverso tipo, in particolare in questo periodo storico.

Questo valore infatti riporta, tramite un numero, la situazione complessiva economica della famiglia, che include tutte le informazioni di natura anagrafica, i redditi percepiti dal lavoro o da altre entrate, i possedimenti e le proprietà della famiglia.

Nel 2022 l’ISEE può servire anche ad agevolazioni specifiche per vedersi ridurre il costo delle bollette della luce e del gas, per ottenere il reddito di cittadinanza o la pensione di cittadinanza, per particolari agevolazioni per la casa. Per esempio per contrarre un mutuo con una banca in modo vantaggioso per l’acquisto, oppure per il pagamento dell’affitto, oltre a diversi bonus per le famiglie come l’Assegno Unico.

ISEE e reddito di cittadinanza

Quando si parla di ISEE, il primo bonus che viene in mente è il reddito di cittadinanza: nel 2022 questo sostegno è stato prorogato dall’ultimo manovra, mettendo a disposizione dei cittadini più in difficoltà un aiuto economico che in molti casi è diventato indispensabile per contrastare la crisi economica e la povertà.

Entro il 31 gennaio 2022 infatti le famiglie hanno provveduto ad aggiornare la propria condizione ISEE, presentando tutti i documenti che riportano i dati relativi alla situazione specifica della famiglia. In questo modo possono ancora richiedere il sostegno mensile, che può arrivare anche alla cifra di 780 euro per le famiglie più bisognose.

Per poter richiedere questo sostegno è necessario comunque dichiarare di avere la cittadinanza italiana o europea, una residenza stabile nel territorio italiano per almeno due anni in modo continuativo, o 10 anni in modo non continuativo.

Per ricevere questo sostegno economico vi sono anche limiti precisi che riguardano il patrimonio immobiliare, che deve essere minore di 30.000 euro, e il patrimonio mobiliare, oltre ai limiti previsti per il reddito, che non deve superare i 6.000 euro annui.

In alcuni casi questo reddito può venire aumentato, ad esempio per la pensione di cittadinanza oppure con la presenza di un pagamento mensile riferito al canone d’affitto. In questo contesto l’ISEE è particolarmente importante proprio per individuare queste soglie di reddito e di patrimonio, e per accedere al sostegno che può durare anche fino a 18 mesi.

Lo stesso vale per la pensione di cittadinanza: anche in questo caso il pensionato deve presentare una attestazione ISEE e non superare il limite di reddito, stabilito intorno ai 7.560 euro.

ISEE e Assegno Unico

L’altro importante sussidio che le famiglie italiane possono richiedere presentando un valore ISEE aggiornato riguarda gli aiuti per i figli a carico. In particolare da marzo 2022 sono disponibili le erogazioni dell’Assegno Unico, ovvero del pagamento mensile corrisposto per tutti i figli a carico.

Si tratta di un sostegno che va a sostituire altri bonus presenti in precedenza per i figli, comprese le agevolazioni fiscali, ma che risulta essere piuttosto vantaggioso in quanto erogato universalmente a tutte le famiglie italiane, indipendentemente dalla condizione lavorativa delle stesse.

In questo caso, a differenza del reddito di cittadinanza, non è obbligatorio procedere con il calcolo dell’ISEE, tuttavia è consigliato per stabilire con precisione qual è la cifra che verrà garantita per ciascun figlio. Nelle condizioni economiche più difficili, il sostegno può essere anche abbastanza elevato, e sommarsi eventualmente all’RdC, mentre scende di cifra per i casi di reddito maggiore.

Per chi ha un reddito elevato, oppure non presenta una attestazione ISEE aggiornata, ma comunque ha figli a carico di età inferiore a 21 anni, questo sostegno viene comunque accreditato, seppur nella misura di importo inferiore.

ISEE e misure per la casa

L’attestazione ISEE è utile anche per procedere all’acquisto di un immobile, ovvero per il bonus prima casa destinato ai giovani under 36. Fino alla fine del 2022 infatti i giovani che rientrano tra i beneficiari, con età inferiore a 36 anni, possono richiedere una particolare agevolazione sulle imposte per l’acquisto di un immobile da adibire a prima abitazione.

Si tratta principalmente di una esenzione da diversi tipi di tasse, come quella di registro, ipotecaria e catastale. I giovani cittadini che vogliono richiedere l’accesso al bonus casa under 36 e che provvedono quindi l’acquisto di un immobile tramite mutuo, devono rimanere entro una soglia ISEE di 40.000 euro.

Questa soglia quindi va a determinare lo stato economico del giovane, per cui è indispensabile procedere con il calcolo dell’ISEE, per poter ottenere questo supporto economico. In questo caso l’ISEE deve essere in corso di validità alla data del rogito, per cui deve essere richiesto in precedenza.

Si può procedere presentando l’ISEE ordinario oppure l’ISEE corrente, che va a aggiornare la situazione lavorativa del giovane nel momento in cui questa viene cambiata in modo radicale.

Oltre al bonus per l’acquisto di un immobile, nel 2022 è anche disponibile un bonus per i cittadini che vivono in affitto. Questo particolare sostegno è riferito anche in questo caso ai giovani, ovvero ai cittadini con età dai 20 ai 31 anni, che intendono pagare un affitto ad un proprietario di casa per la prima abitazione. 

In questo frangente la soglia di reddito non deve superare la cifra di 15.493,71 euro annui. Anche in questo caso è necessario presentare una attestazione specifica per confermare questo requisito, come la dichiarazione dei redditi oppure l’ISEE aggiornato.

Bollette e ISEE: come ricevere un sostegno

Nell’ultimo periodo risulta essere particolarmente problematica la situazione relativa agli aumenti di prezzo dell’energia elettrica, del gas e in generale delle bollette per le utenze domestiche. Attualmente il governo sta per emanare un altro decreto per sostenere in particolare le imprese che sono state messe in difficoltà dagli aumenti dovuti all’inflazione.

Tuttavia per le famiglie italiane che si sono trovate in una condizione di difficoltà economica e impossibilitate nel pagare gli importi aggiuntivi delle bollette dell’energia elettrica del gas, è disponibile un supporto specifico di tipo economico in base al valore ISEE.

Si parla di un bonus bollette sotto forma di sostegno sociale, che viene erogato automaticamente, quindi senza la necessità di una richiesta diretta, alle famiglie il cui ISEE non supera il valore di 8.265 euro. L’accesso al sostegno è automatico, questo vuol dire che non è necessario presentare una specifica richiesta per il bonus.

Gli aumenti che vanno a gravare sul prezzo delle bollette sono dovuti al fenomeno dell’inflazione, e l’aiuto ha natura sociale, rivolto specialmente alle famiglie al cui interno sono presenti uno o più componenti con la necessità di utilizzare determinate apparecchiature mediche per motivi di salute.

Questo sostegno è automaticamente erogato anche ai soggetti che ricevono regolarmente il reddito di cittadinanza. Anche in questo frangente è molto importante presentare una dichiarazione ISEE corretta e aggiornata che riporta tutti i dati della famiglia.

ISEE, scuola e università

Infine, l’attestazione ISEE è propedeutica alla richiesta delle prestazioni universitarie. In particolare è necessario presentare la DSU integrale, e presentare tutti i dati relativi ai componenti della famiglia per stabilire l’importo delle tasse universitarie da pagare.

Questa documentazione è valida per il nuovo anno scolastico e va ad individuare qual è il limite reddituale della famiglia, per agevolare le famiglie meno abbienti nel pagamento delle imposte. Questo valore può essere utile anche per altri tipi di sostegni rivolti ai figli, come ad esempio il bonus asilo nido.

In base al valore ISEE del nucleo familiare, vengono stabiliti i limiti massimi di aiuti possibili per l’anno in corso, che cambiano in base all’effettiva fascia reddituale di tutti i componenti. In particolare sono destinate al bonus asilo nido le seguenti cifre:

• 3.000 euro annuali con valore ISEE fino a 25.000 euro;
• 2.500 euro annuali con valore ISEE tra i 25.000 e i 40.000 euro;
• 1.500 euro con valore ISEE superiore a 40.000 euro.

L’Indicatore è utile anche per altri piccoli sostegni, specialmente quando la famiglia si trova in una situazione economica sfavorevole, erogati dai singoli Comuni, come i buoni spesa. Per questo motivo è consigliato rivolgersi ad un professionista o ad un centro CAF per richiedere il valore per l’anno in corso, presentandone opportuna documentazione.

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

“https://fiscomania.com/agevolazioni-con-isee/”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

#adessonews

#adessonews

#adessonews

 

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione o finanziamento richiesto.
Riceverai in tempi celeri una risposta.