Unimpresa: il nuovo governo dovrà rinnovare 100 miliardi di debito entro la fine del 2022 #adessonews


Unimpresa: il nuovo governo dovrà rinnovare 100 miliardi di debito entro la fine del 2022 © Milano Finanza Unimpresa: il nuovo governo dovrà rinnovare 100 miliardi di debito entro la fine del 2022

La coalizione di centrodestra, e in particolare Fratelli d’Italia, esce vittoriosa dalle elezioni politiche nazionali. La gestione del debito pubblico sarà “lo scoglio principale del nuovo governo, soprattutto perché saranno messe a nudo le difficoltà nell’attuare tutte le promesse fatte dalle forze politiche durante la campagna elettorale”, in particolare nell’attuale momento di difficoltà per famiglie e imprese. Queste le parole del vicepresidente di Unimpresa, Giuseppe Spadafora, sulla base del report raccolti dall’Associazione. 

I titoli di Stato in circolazione attualmente valgono infatti 2.229 miliardi e oltre il 10% di questa cifra va gestito nei primi 15 mesi della prossima legislatura. Nello specifico, il nuovo governo entro il 2023 dovrà rimborsare e poi rinnovare con nuove emissioni tra Bot, Btp, Cct e Ctz 435 miliardi di euro, di cui 100 a partire da oggi, 26 settembre, fino alla fine dell’anno. 

L’89,3% del debito pubblico in scadenza sono Btp 

Il debito pubblico in scadenza entro il 2023 è composto per l’89,3% da Btp, pari a 1.990,4 miliardi, per il 6,1% a Cct, 135,6 miliardi, per il 4,6% da Bot, 103,1 miliardi e per lo 0,6% a Ctz, 12,4 miliardi. Anche considerando i restanti mesi del 2022 i Btp rappresentano la maggioranza dei titoli in via di scadenza (52,2%), seguiti dai Bot (34,8%) e poi dai Cct (13,0%) e dai Ctz (13,0%) a pari merito.

L’incognita del rialzo dei tassi di interesse

Gli appuntamenti con il mercato nel programmato calendario di emissioni stabilito dal Tesoro non sono stati caratterizzati finora da situazioni critiche, nonostante la difficile congiuntura economica e grazie alle misure di politica monetaria assicurate dalla Banca centrale europea. Adesso però bisogna considerare l’impatto derivante dall’aumento dei tassi di interesse, che rendono più alto il costo del servizio del debito. (riproduzione riservata)

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

“https://www.msn.com/it-it/money/mercati/unimpresa-il-nuovo-governo-dovr%C3%A0-rinnovare-100-miliardi-di-debito-entro-la-fine-del-2022/ar-AA12fmMX”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

#adessonews

#adessonews

#adessonews

 

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione o finanziamento richiesto.
Riceverai in tempi celeri una risposta.